Statua di Minerva

Statua di Minerva
Autore: 
Tipologia : 
Scultura
Anno: 
II secolo a.C.
Materia e tecnica: 
Marmo
Dimensioni: 
cm 321
Provenienza: 
Inventario: 
inv. MC0037
Collezione: 

La scultura, di colossali dimensioni (oltre tre metri di altezza), era in precedenza collocata sotto la scalinata del Palazzo Senatorio, sulla piazza, e nel portico del Palazzo dei conservatori.
 La dea è rappresentata stante, con la gravitazione sulla gamba destra e la sinistra in appoggio. Veste un ampio chitone, con pieghe rese a scalpello, fermato in vita da un cinturone sul quale sono visibili i chiodini di attacco del metello. Alcuni perni per il fissaggio di parti di diverso materiale si trovano anche nell' apoptygma, sul petto. La testa e le braccia sono assemblate secondo la concezione dei grandi acroliti. Il volto, sormontato dall'elmo, mostra le cavità oculari vuote, in origine colmate con pietre dure e metallo. La scultura si ispirava, dunque, direttamente alla celebre statua crisoelefantina (in oro e avorio) che Fidia realizzò per il tempo ateniese della dea nella metà del V secolo a.C., e fu forse realizzata da maestranze greche nell'ambito del II secolo a.C. per un tempio di grande significato.

La sala

Palazzo Nuovo - Atrio

Sulle pareti del lungo corridoio porticato al piano terreno, aperto sul Cortile, si susseguono grandi nicchie con statue, tra cui quelle colossali di Minerva e di Marte.

Potrebbe interessarti anche