Musei Capitolini

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > News > Musei Capitolini, Sala dei Filosofi: terminato il restauro dei rilievi
Data di pubblicazione: 29/10/2013

E’ stata inaugurata, (25 ottobre) alla presenza dell’ambasciatore della Repubblica dell’Azerbaigian S.E.  Vaquif Sadikov, del Sindaco di Roma, Ignazio Marino e del Sovrintendente ad interim Claudio Parisi Presicce, la Sala dei Filosofi di Palazzo Nuovo dei Musei Capitolini, nella sua rinnovata veste dopo i lavori di restauro che negli ultimi sei mesi hanno interessato 23 rilievi architettonici, a carattere ornamentale, sacro e funerario e 5 busti-ritratto d’epoca romana.
L’ambasciatore ed il Sindaco, dopo il taglio del nastro, hanno posto l’accento sull’ottimo livello delle relazioni tra i due Paesi annunciando la volontà di proseguire nel cammino intrapreso di reciproca, fattiva collaborazione nel campo dell’arte.
L’intervento di restauro, rivolto alla conservazione e, ancor più, alla migliore conoscenza e  fruizione, è stato reso possibile grazie alla generosa offerta di 110.000 euro da parte dell’Ambasciata dell’Azerbaigian, per conto della Fondazione Heydar Aliyev, da anni impegnata nella valorizzazione del patrimonio culturale nazionale ed internazionale.
Il progetto di restauro ha perseguito con grande determinazione un importante obiettivo: quello di  realizzare un restauro innovativo che per la prima volta mettesse in luce e distinguesse con chiarezza  le parti originali dai restauri sia settecenteschi sia successivi, attraverso un recupero totale delle finiture originarie, consentendo così anche ad occhi non esperti di poter distinguere i nuclei originali dalle apposizioni ed integrazioni successive.  Le varie fasi dell’intervento hanno gettato una nuova luce sulla vita delle stesse opere d’arte fornendoci informazioni, oltre che di natura storica, anche di carattere museologico e museografico. Al termine dei lavori anche la percezione dell’insieme appare cambiato: i rilievi, frammenti antichi e integrazioni appaiono nell’autenticità dei materiali in cui sono realizzati: marmo, stucchi, marmi policromi, creando così un’efficace e nuova alternanza cromatica.
L’accurato lavoro compiuto dalle restauratrici del Consorzio CONART ha  dunque permesso di comprendere al meglio la qualità e la storia dei singoli rilievi, rivelando particolari fin qui inediti.
In un rilievo di  una fronte di sarcofago, ad esempio,  il restauro ha evidenziato come nel precedente restauro settecentesco le due figure laterali mancanti erano state sostituite con altre realizzate in terracotta, dipinte a finto marmo ad imitazione della superficie originale.
Ha trovato conferma la grande importanza della serie proveniente dalla chiesa di San Lorenzo fuori le mura, dove si trovavano fin dal Medioevo, ma pertinenti sicuramente ad un importante edificio templare dell’età imperiale, caratterizzati dalla presentazione fedele di tutta la suppellettile impiegata nelle celebrazioni religiose. In uno di questi la pulitura ha messo in luce anche sottili graffiti realizzati in epoca medievale, come la silouette di uomo con armatura e quella di un delfino.
Tra i rilievi ornamentali figurano quello con la scena di una suonatrice di lira con un gatto; quello di navigazione fluviale con il passaggio di un’imbarcazione carica di botti sotto un ponte; quello di un Eros a cavallo; quello di un cavallo tirante un carro.
Tra i rilievi a carattere sacro, tutti assegnabili al miglior periodo dell’arte romana, figurano il bel rilievo con la Dea Igea in marmo rosso antico; quello ancora con Igea in compagnia di Esculapio; quello con Apollo e una Musa; quello con Diana; quello illustrato con una scena bacchica.
Tra i rilievi funerari presenti compaiono fronti o fianchi di sarcofago, come quello con il mito di Meleagro, la cui morte è raffigurata anche su altri due frammenti; quello con scena relativa all’apoteosi di un fanciullo e due raffiguranti  grifi alati.
Tra i cinque busti romani restaurati, infine, figurano esemplari di grande qualità ed importanza, tra cui un bel ritratto dell’imperatore Marco Aurelio e due splendide immagini maschili della media età imperiale.

torna al menu di accesso facilitato.