Musei Capitolini

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > News > I Musei Capitolini e ENEL portano nel mondo i tesori nascosti di Roma
Data di pubblicazione: 11/11/2014

• Firmato il protocollo d’intesa per estendere al gruppo Enel il programma “The Hidden Treasure of Rome”, avviato lo scorso maggio da Roma Capitale e Enel Green Power e volto alla valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale dei Musei Capitolini
• Centinaia di oggetti e materiali archeologici, nella maggior parte dei casi inediti e mai esposti, saranno analizzati all’estero dai più prestigiosi atenei e musei del mondo, grazie alla presenza del Gruppo Enel in oltre 30 Paesi. I materiali, una volta studiati e catalogati, faranno ritorno a Roma
• Enel Green Power sosterrà il restauro della Sala degli Imperatori di Palazzo Nuovo - Musei Capitolini

“The Hidden Treasure of Rome” rappresenta il primo accordo che permette ai ricercatori di tutto il mondo di accedere ad intere collezioni di oggetti dell’antica Roma, finora solo parzialmente studiate.
Per oltre un secolo, centinaia di migliaia di materiali archeologici risalenti a tutte le epoche della storia di Roma, sono stati accuratamente conservati all’interno di oltre mille casse presso l’Antiquarium dei Musei Capitolini ed essendo non del tutto conosciuti, sono stati eccezionalmente esposti in occasione di mostre archeologiche.
Grazie all’accordo, siglato il 10 novembre 2014 dal Sindaco di Roma Ignazio Roberto Marino e dall’Amministratore Delegato di Enel Francesco Starace, una vasta scelta delle inedite collezioni potranno, per la prima volta, lasciare i magazzini ed essere portati all’estero dove all’interno delle università e dei musei preventivamente selezionati dalla Sovrintendenza, saranno oggetto di accurati programmi di ricerca ed analisi, per poi essere restituiti alla Città, classificati e catalogati, pronti per essere inseriti in importanti progetti espositivi e culturali.
Il progetto è stato avviato lo scorso maggio con Enel Green Power ed ha già consentito di dare l’avvio negli Stati Uniti presso la University of Missouri, al primo programma di studio riservato a 249 oggetti di ceramica a vernice nera (parte della collezione della sala V del vecchio Antiquarium del Parco del Celio) sui quali sono in corso, sotto la supervisione della Sovrintendenza Capitolina, specifici programmi di studio e ricerca.
Con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente questo nuovo modello di collaborazione e valorizzazione internazionale del patrimonio culturale, sono in via di definizione progetti con altre importanti università statunitensi.
Nei prossimi anni il progetto sarà esteso al perimetro più ampio dell’intero Gruppo Enel, grazie alla sua presenza in oltre 30 Paesi.
Saranno coinvolti numerosi e prestigiosi musei e dipartimenti di Archeologia e Storia dell’Arte delle università internazionali con cui individuare programmi di studio e valorizzazione dei materiali, come eventi espositivi e programmi mirati di ricerca.
Con il nuovo Protocollo di Intesa il gruppo Enel valuterà l’adesione a iniziative e proposte individuate dalla Sovrintendenza Capitolina per il recupero e la valorizzazione di siti di interesse archeologico, come il complesso dell’ Antiquarium all’interno del Parco del Celio, chiuso dal 1939.

torna al menu di accesso facilitato.