Musei Capitolini

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Eventi > Danza: ricordo del futuro

Danza: ricordo del futuro

07/04/2007

Danza: ricordo del futuro

Nell'ambito di "A Pasqua Roma ti sorprende. Quando l’arte diventa spettacolo" un percorso che gioca con il movimento puro del corpo e ambientazioni sonore e visive: Ada Performance sulle rampe del Vignola, in Piazza del Campidoglio, e Sistemi Dinamici Altamente Instabili nell’Esedra del Marco Aurelio, all’interno dei Musei Capitolini.

ESTERNO
ADA Performance sulle rampe del Vignola, in Piazza del Campidoglio, una presenza minimale e spettacolare insieme, grazie ad una sonorità che elabora e distorce il canto dal vivo.
Una performer, Mixiu (Miriam Abutori), e dj Raznois (Gerardo Greco), creano un dialogo tra musica elettronica, voce e danza per realizzare un evento emotivamente vivo, astratto, fatto di frammenti ipnotici di voce e suono.

ADA Performance presenta una propria idea della danza in luoghi contaminati come la discoteca, gli spazi urbani, le architetture industriali, fondendo l’arte visiva, la musica e il canto, con il movimento e la danza sui trampoli. E’ ospite spesso in tutta italia nelle discoteche più grandi, è stata ospite anche ad uno dei tour di MTV nel 2004. Partecipa ad importanti inaugurazioni e feste di gala.
Le idee e i costumi del gruppo sono curate e realizzate in modo artigianale da Miriam Abutori, si legano ad un concetto spettacolare e scenografico di costume.
Dal 2002 inizia una collaborazione con il light designer Diego Labonia per sviluppare e potenziare il carattere surreale e onirico delle performances inserendo negli allestimenti nuove tecnologie come i LED e le proiezioni LASER e l’interazione con le luci.
Il corpo è scenografico, indossa un oggetto di luce e trasporta il pubblico attraverso un tempo passato ed uno a venire. Il corpo è danza, al contempo dinamica ed essenzialità del movimento. Il corpo è storia o assenza di tempo che si incarna nella materia e nell'immagine. Spesso l'evento performativo in accordo con il tema scelto segue l'impulso che si genera dalla relazione del performer con lo spazio e con i danzatori e con l’occhio sensibile del pubblico.
Lo spettacolo non “descrive” nè “rappresenta” qualcosa. È piuttosto una tela astratta, un racconto surreale in cui i movimenti segnano lo spazio e vi rimangono sospesi, creando codici e forme che ricordano una storia, rimandano ad un luogo.
I trampoli, appendice e prolungamento del corpo, ne completano e assecondano le necessità. Attraverso questa materia grezza il corpo irradia la propria naturale energia e carica emotiva. I costumi ed il corpo dipinto sono il supporto artefatto che astrae la danza dal mondo reale e la rende metafisica: nei costumi si leggono storie, leggende, racconti onirici, modelli arcaici, narrazioni epiche, fantasie: un videoclip continuo che accompagna l’azione.

INTERNO
Sistemi Dinamici Altamente Instabili nell’ Esedra del Marco Aurelio, in bilico fra il segno puro del corpo e la costruzione di ambientazioni sonore e visive, costruisce per 4 danzatrici (Simona Lobefaro, Annika Pannitto, Alessandra Sini e Antonella Sini), una serie di danze solitarie e in sovrapposizione.
L’attenzione del pubblico è veicolata verso il particolare dinamico del corpo, alterato dal ritmo del suono live, e sulla reiterazione del segno nei corpi in movimento.
Si gioca sulla tensione della presenza e la dinamica della scomparsa, per una danza dal forte impatto energetico ed emotivo.
Live editino musicale: Stefano Montinaro
Set: Max Mugnai
Concepì: Alessandra Sini e Antonella Sini

Sistemi Dinamici Altamente Instabili, ospite dei più importanti Festival di danza in Italia, opera una ricerca su modalità ritmico-dinamiche ed espressive inerenti la gestualità quotidiana, il corpo recupera un senso d’umanità che accoglie e lascia libero l’accesso alla comunicazione diretta.
Il reiterarsi ritmico del gesto o l’eccesso ossessivo dell’azione, trasportano il pubblico a vivere l’ambivalenza del non senso e riconoscere nel gesto un linguaggio archetipo, che fissa un tempo privo di scorrimento.
È invitato presso musei e gallerie d’arte per eventi unici a carattere performativo e installativo in cui la visione coreografica è supportata da immagini, elaborazioni acustiche e ambientazioni sonore, animazioni grafiche che qualificano gli ambienti delle danze e raccolgono l’emozione dell’opera che si costruisce davanti agli occhi dello spettatore
Quest’anno il gruppo crea una performance per le Nuits Blanches Europe/Paris su commissione del Comune di Parigi, partecipa a diversi Festival di danza Urbana, ad alcune edizioni del Festival “Enzimi”, con spettacoli e performance che si occupano dello spazio e delle diverse modalità di fruizione del pubblico.

Artista/i
Ada Performance e Sistemi Dinamici Altamente Instabili

Informazioni

Luogo
Musei Capitolini
Orario

21.00, 21.45 e 22.30

Biglietto d'ingresso

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Informazioni

06 82059127 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.30)

Organizzazione

Associazione Ciulinga Onlus

torna al menu di accesso facilitato.