Musei Capitolini

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Restauri > Restauro del “San Giovanni Battista” di Caravaggio

Restauro del San Giovanni Battista di Caravaggio, una delle due tele dell’artista conservate nelle raccolte del Campidoglio (l’altra è la celebre Buona Ventura) in un apposito cantiere visibile al pubblico nella Sala di Santa Petronilla della Pinacoteca Capitolina, per seguire “in diretta” tutte le fasi dell’intervento.

Questa importante iniziativa, curata dalla Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, è stata resa possibile grazie ad una sponsorizzazione della società SA.PAR srl e viene realizzata dal restauratore Nicola Salini. L’intervento riguarda in particolare la rimozione delle alterazioni degli strati protettivi, delle vernici ossidate e di antiche ridipinture localizzate e sarà concluso alla fine di gennaio 2010. L’ultima pulitura del quadro risale al 1980.

Il San Giovanni Battista si trova in Campidoglio dal 1750 ed è senza dubbio una delle opere più affascinanti di Caravaggio, che in questa tela esprime in modo geniale le proprie riflessioni sul naturalismo pittorico e sul sentimento religioso. Tutta la critica è oggi d’accordo sul riferimento all’artista di questo dipinto, grazie anche ad una minuziosa serie di indagini tecniche che hanno dimostrato l’autenticità dell’opera.

Caravaggio dipinge il San Giovanni Battista nel 1602 per Ciriaco Mattei, una delle figure più in vista della società romana del tempo; il soggetto del dipinto è un chiaro riferimento al nome del figlio di Ciriaco, Giovanni Battista. Destinato dunque agli ambienti privati del palazzo Mattei e non ad un luogo di culto, il San Giovanni Battista è una profonda sintesi delle meditazioni di Caravaggio sulla pittura sacra. Per questo motivo il pittore usa, come modello compositivo per il Battista, uno dei bellissimi Nudi affrescati da Michelangelo nella volta della Cappella Sistina, l’opera più eclatante e complessa del Rinascimento italiano: le grandi opere d’arte - come si dimostra anche in questo caso - non nascono da un improvviso lampo di genio, ma sono il risultato di talento, studio e costante impegno.

torna al menu di accesso facilitato.