Musei Capitolini

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Didattica per tutti > Ma quanti volti ha un Imperatore?
31/12/2017

Ma quanti volti ha un Imperatore?

Tipologia: Laboratorio

L’attività articolata intorno ai temi del ritratto e alla tecnica della modellazione, è finalizzata, attraverso un percorso interattivo e strutturato per impegnare i partecipanti alla realizzazione di un manufatto, alla conoscenza della capacità comunicativa dell’espressione figurativa e delle tecniche scultoree nel mondo antico.

I partecipanti saranno accolti in biglietteria e saranno condotti da due operatori didattici esperti in divulgazione per il pubblico scolastico e capaci in attività manuali nello spazio destinato all’attività laboratoriale. Un primo momento ludico permetterà loro di sperimentare alcune espressioni  del volto poggiando il viso su una maglina fissata ad una cornice di legno: ogni alunno, a sua scelta dovrà interpretare un sentimento e i compagni dovranno indovinare l’emozione manifestata. A seguito di questa fase introduttiva e pensata per creare confidenza tra i conduttori del’attività e il gruppo classe, saranno messi a disposizione dei  bambini materiali e strumenti per poter realizzare, guidati  dagli addetti al servizio didattica, dei ritratti che abbiano espressioni diverse insegnando loro come i tratti delle sopracciglia, degli occhi e delle labbra, delle rughe della fronte e delle gote possano caratterizzare l’espressione e lo stato d’animo di un volto. L’utilizzo della creta,  spaghi,  stecche, pietre colorate, sarà occasione per trattare delle tecniche scultoree nell’arte antica, come incisione, basso rilievo, alto rilievo e tutto tondo, e per conoscere i materiali usati dagli artigiani e artisti dal passato più remoto ai nostri giorni. Si entrerà nel dettaglio di alcuni busti e ritratti esposti in mostra e molto diversi tra di loro,  osservandoli in immagini poste sui tavoli di lavoro. Con l’utilizzo di uno strato di plastilina bianca impressa sul volto di un volontario, si spiegherà la nascita del ritratto realistico nel mondo romano nell’ambito funerario, ritratto che  all’inizio era una  maschera fisiognomica realizzata per ricordare e rispettare gli antenati.  Ultimo il manufatto, che sarà realizzato dai partecipanti invitati ad esprimere la loro creatività,  verrà confezionato in una scatola di cartone che gli studenti avranno portato da casa, chiusa con lo spago e con un sigillo con l’immagine guida della mostra. Il lavoro prodotto rimarrà come ricordo dell’esperienza nel museo. Dopo il lavoro in aula, la classe sarà condotta (20 minuti ca.) a Palazzo Nuovo, nella sala degli Imperatori, per osservare e commentare  da vicino le opere viste in precedenza nelle immagini esposte in laboratorio e selezionate per  verificare il cambiamento stilistico dall’epoca giulio-claudia al tardo impero.

Finalità didattiche del laboratorio 

A)     OBIETTIVI GENERALI

  • Potenziare la funzione del museo come centro attivo di cultura e di educazione
  • Interagire nello scambio comunicativo, in modo adeguato alla situazione rispettando le regole
  • Relazionarsi e cooperare con il gruppo utilizzando metodi e materiali diversi
  • Educare alla conoscenza e al rispetto del patrimonio artistico e archeologico come bene della collettività 

B)      OBIETTIVI SPECIFICI

  • conoscere la storia e le funzioni  del ritratto in momenti diversi  dell’ epoca antica
  • conoscere le tecniche scultoree nel mondo classico
  • conoscere i diversi materiali e strumenti  usati in scultura
  • imparare a “leggere” e impostare un ritratto focalizzando le parti più espressive del volto
  • capire come l’evoluzione stilistica dell’espressione figurativa in arte risponda a cambiamenti politici, sociali e culturali
  • acquisire una terminologia specifica relativa alle tecniche scultoree
  • conoscere il collezionismo antiquario e i diversi criteri espositivi delle opere in scultura nei musei

Bibliografia:

  • L'arte dell'antichità classica, di Ranuccio Bianchi Bandinelli e Mario Torelli, Etruria-Roma, Utet, Torino 1976.
  • Il problema del ritratto.  Di Ranuccio Bianchi Bandinelli, in L’ARTE CLASSICA, Editori Riuniti, 1984)
  • La psicologia del ritratto nell’arte e nella letteratura. Di Stefano Ferrari, Laterza, Bari 1998
  • Costantino e i suoi figli. Il nuovo volto dei potenti. Di C.Parisi Presicce
  • Società romana e impero tardo antico.  A cura di Andrea Giardina, Istituto Gramsci Seminario di Antichistica;
  • Il mondo tardo antico: Da Marco Aurelio a Maometto, di Peter Brown, Torino 1974
  • Modellare la creta, di Mario Molteni, Fabbri Editori, 1999
  • Manuale di scultura, di Pino Gennaro, Ed. Hoepli, 2011
  • Scultura in pietra, di Cami Santamera, 2009
  • Enciclopedia delle tecniche scultoree, di Claire W. Brown, 2007
  • Marmi Antichi, di G. Borghini, De Luca Editori Arte, 1997

Informazioni

Luogo
Musei Capitolini
Orario

31 dicembre 2017 ore 11.00 (durata 2 ore circa)

Appuntamento

Presso la biglietteria dei Musei

Biglietto iniziativa

Visita € 6,00 +     biglietto di ingresso al museo
Prenotazione obbligatoria € 2,00 (procapite)
Max 25 partecipanti (minimo richiesto 15 partecipanti)

Prenotazione obbligatoria solo telefonica 06 39967800 

Informazioni

Tel . 06 39967800 

Prenotazione obbligatoria
Email
Organizzazione

Coopculture

torna al menu di accesso facilitato.